arrow--linkarrow-calendar--leftarrow-calendar--rightattachmentcalendar-eventclock--outlineclockclose_modal_windowcloud_uploaddeadlinedownloademail--shareemailfacebookfaxgoogle-plus--framegoogle-plusinstagramlink--externallinklocationlogo-confcommercio--fidilogo-confcommercio--venezialogo-confcommerciomarker--offmarkerphonepinterestsearch--whitesearchteacherstwitterverifiedyoutube
Comunicazione

Comunicazione

Comunicazione

News

Bando Alternanza Scuola Lavoro - 3^ edizione

Bando Alternanza Scuola Lavoro - 3^ edizione

La Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Treviso-Belluno intende incentivare l'inserimento di giovani studenti in percorsi di alternanza scuola lavoro che si svolgono nelle imprese del territorio di competenza.

L'Ente camerale intende così assumere un ruolo attivo nell'avvicinare le imprese ai percorsi scolastici di alternanza e nel favorire positive interazioni fra mondo della scuola e mondo del lavoro. Possono presentare domanda per ottenere i contributi previsti dal presente bando le micro, piccole e medie imprese (in breve MPMI) così come definite nell'allegato I del Regolamento (UE) n. 651/2014 della Commissione del 17 giugno 2014 ? in forma singola, di tutti i settori, con sede legale e operativa nelle province di Belluno e Treviso e in possesso degli ulteriori requisiti indicati all'art. 3 del Bando.

CONVEGNO "LAVORATORI STRANIERI IN ITALIA" - COSA DEVE FARE L’AZIENDA PER ADEMPIERE CORRETTAMENTE AGLI OBBLIGHI

CONVEGNO "LAVORATORI STRANIERI IN ITALIA" - COSA DEVE FARE L’AZIENDA PER ADEMPIERE CORRETTAMENTE AGLI OBBLIGHI

Il numero di lavoratori stranieri, sia comunitari che extra-comunitari, che le aziende del nostro territorio assumono ogni anno rappresenta un dato particolarmente significativo. L’entrata in vigore del D.L. 4 ottobre 2018, n. 113 (cd. Decreto Sicurezza o “Decreto Salvini”) ha modificato in modo rilevante la normativa che regola l’ingresso di cittadini stranieri nel nostro Paese, con un conseguente impatto anche sulla disciplina applicabile ai rapporti di lavoro. Verificato il sempre maggior numero di lavoratori stranieri occupati anche nel settore terziario, abbiamo programmato questo incontro Pertanto, diventa e diventerà sempre più importante supportare le aziende anche su questi aspetti specifici.

 NUOVO BANDO REGIONE VENETO: 3,2 MILIONI DI EURO PER LE IMPRESE FEMMINILI!

NUOVO BANDO REGIONE VENETO: 3,2 MILIONI DI EURO PER LE IMPRESE FEMMINILI!

L'08 Marzo 2019 la Regione Veneto ha approvato un nuovo bando a supporto delle aziende a prevalente partecipazione femminile. I contributi regionali sono rivolti sia all'avvio di nuove imprese femminili, sia al consolidamento e allo sviluppo di quelle esistenti. ll bando prevede la concessione di contributi a fondo perduto, in regime de minimis, in misura pari al 30% della spesa rendicontata ammissibile per interventi di importo non inferiore a 30.000,00 euro e non superiore a 170.000,00 euro. Saranno ammissibili spese in macchinari, impianti produttivi, hardware ed attrezzature; arredi; negozi mobili; mezzi di trasporto ad esclusivo uso aziendale; impianti tecnici di servizio agli impianti produttivi e programmi informatici. Le domande potranno essere presentate a partire dalle ore 10.00 del  10 Aprile fino alle ore 18.00 del 18 Aprile. 

 

EVENTO ODERZO FIORITA

EVENTO ODERZO FIORITA

Il 5, 6 e 7 aprile Oderzo si trasforma in un immenso salotto fiorito, un colorato giardino cittadino che coinvolgerà tutto il centro storico e i suoi negozi, ristoranti e bar.

Un evento unico, con decine di espositori di fiori, piante, vivai e pittoreschi allestimenti arborei.

- venerdì 5 aprile (pomeriggio): inizio degli allestimenti in Piazza Grande

- sabato 6 aprile (pomeriggio): inizio degli allestimenti per le vie del centro storico e attività in Piazza Grande

- domenica 7 aprile (tutto il giorno): tutto il centro storico (gran parte resa pedonale) si animerà in occasione dell'evento con attività, stand dedicati ai fiori, all'artigianato e al cibo

 

 

Retribuzioni in contanti: dal 1° luglio 2018 il divieto.

La legge di Bilancio 2018 ha stabilito che, dal 1° luglio 2018 i datori di lavoro ed i committenti non potranno più corrispondere ai lavoratori / collaboratori la retribuzione / compenso, nonché ogni anticipo diessa, per mezzo di denaro contante, indipendentemente dalla tipologia del rapporto di lavoro instaurato.
La preclusione all’uso del contante è prevista per qualsiasi rapporto di natura lavorativa, indipendentemente dalle modalità di svolgimento della prestazione e/o della sua durata, sia essa autonoma o subordinata.

Da tale divieto sono esclusi i rapporti di lavoro domestico (colf/badanti).

Top