arrow--linkarrow-calendar--leftarrow-calendar--rightattachmentcalendar-eventclock--outlineclockclose_modal_windowcloud_uploaddeadlinedownloademail--shareemailfacebookfaxgoogle-plus--framegoogle-plusinstagramlink--externallinklocationlogo-confcommercio--fidilogo-confcommercio--venezialogo-confcommerciomarker--offmarkerphonepinterestsearch--whitesearchteacherstwitterverifiedyoutube
Itinerari ed escursioni

Itinerari ed escursioni

Archeologia nella provincia di Treviso

Oderzo
Oderzo, l’antica Opitergium, una cittadina elegante che conserva molte tracce del suo passato romano: una passeggiata nel centro storico, consentirà di scoprire un apprezzabile patrimonio archeologico. Il percorso inizia da Piazza Grande, il Duomo edificio gotico del ’400, l’antica Loggia comunale, il Torresin e Palazzo Ottoboni, il Museo Civico "Eno Bellis", ove si conservano are ed edicole funerarie, monumenti, iscrizioni ed i famosi mosaici della caccia risalenti al IV secolo d.C.

La città di Treviso
Treviso Percorso a piedi nel centro storico della città, attraverso antiche vie e suggestivi scenari: la Calmaggiore, la Piazza dei Signori, la Loggia dei Cavalieri, il Duomo ed il Battistero, il Canale dei Buranelli, la Pescheria, il Borgo Mazzini, la Porta San Tommaso....Suggeriamo una sosta in una delle tante "Osterie" per uno stuzzicchino. Nel pomeriggio, visita del Museo Civico "Luigi Bailo" ove si potrà ammirare una preziosa raccolta di oggetti di varie epoche: spade bronzee, oggetti domestici, ceramiche, dischi bronzei votivi, ecc.

Montebelluna e Asolo
Trasferimento a Montebelluna per la visita del Museo Civico "Bellona": qui sono esposti preziosi reperti provenienti dalla necropoli (VIII sec. a.C.). Nei pressi di Montebelluna si potranno visitare due dei più significativi esempi di castellari, le cosidette "motte" dell’età del bronzo e del ferro. Proseguimento per Asolo, visita del centro storico della piccola cittadina medievale adagiata sui colli tra ulivi e cipressi. Tra le tante bellezze artistiche spiccano il Castello della Regina Cornaro, la Rocca di origine pre-romana, i numerosi palazzotti di gusto gotico-barocco.

Tra Piave e Livenza
L’escursione prevede la visita di piccoli centri rurali, nei quali sono custoditi interessanti monumenti. Ormelle, un piccolissimo centro con una suggestiva chiesetta del XII secolo; San Polo di Piave, con il tempio dedicato a San Giorgio di fondazione Longobarda e Villa Papadopoli un curioso edificio in stile gotico inglese; Motta di Livenza, una cittadina di epoca remota, con eleganti palazzi ed il Santuario della Madonna dei Miracoli, edificio del ’500 all’interno del quale sono conservati preziosi affreschi attribuiti al Pordenone e Palma il Giovane.

Aquileia
L’escursione Vi impegnerà per l’intera giornata. A circa 50 Km da Oderzo troviamo un sito archeologico di rilevante importanza: Aquileia. Fondata dai Romani nel 181 a.C., grazie alla sua posizione geografica in epoca imperiale divenne un’ importante centro mercantile e sede di uno dei patriarcati più potenti. L’itinerario inizia con la Basilica, grandioso monumento di epoca romana, la Cripta degli scavi, la Via Sacra, le Terme, il Museo Archeologico Nazionale, gli scavi del Foro, il sepolcreto romano e l’anfiteatro.

Il Sile, Torcello e le isole della Laguna - Dalla pianura al mare
Trasferimento a Casale sul Sile, sistemazione in battello e navigazione lungo il Sile il maggiore fiume di risorgiva d’Europa. L’itinerario si snoda attraverso il "Parco del Sile" tra antiche abitazioni rurali e torri di difesa. Si giunge così in Laguna. Prima sosta all’Isola di Torcello, erede della città romana di Altino, dal VII al IX secolo, fu il centro principale dell’estuario. Degli antichi splendori rimangono solo poche, ma preziose testimonianze: la Cattedrale di Santa Maria Assunta (risale al 639 d.C.) impreziosita da splendidi mosaici e la Chiesa romanica di Santa Fosca. Successivamente si visiterà il Museo di Torcello che raccoglie materiale archeologico di Altino e della Laguna tra cui i resti dell’antica pala d’argento della Cattedrale. Possibilità di estendere la visita alle altre isole della Laguna.

Portobuffolè
Nel corso del viaggio che ci porta a Portobuffolè, s’incontra la Mutera di Colfrancui, una minuscola Stonehange erbosa paleoveneta con annessa necropoli, riutilizzata in epoca romana come fornace. Continuazione del viaggio per Portobuffolè, piccolo centro rinascimentale, un singolare gioiello artistico del comprensorio trevigiano: la Piazza Maggiore, il Palazzetto del Monte di Pietà, la Loggia, il Duomo e la Casa Gaia di Camino, all’interno della quale vi è un bellissimo ciclo di affreschi.

Altino e Concordia Sagittaria
Partenza per Altino, importante nodo stradale in età paleoveneta e romana, distrutto in epoche successive da Attila e dai Longobardi. Da visitare il Museo Nazionale Altinate che custodisce numerosi reperti di epoca pre-romana e romana. Proseguimento per Concordia Sagittaria, cittadina di origine romana con numerose zone archeologiche: i siti più importanti sono i resti della Trichora Martyrum con numerosi sarcofagi negli ambienti funerari, i resti del ponte e del teatro romano.

Top